Armonia di Manipura-Armonia di Manipura-Armonia di Manipura

Armonia di Manipura-Armonia di Manipura-Armonia di Manipura

Armonia di Manipura

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CNA IL MIO GEMELLO MAI NATO

20181029__CNA_LOCANDINA_CONFERENZa
 

L'OBIETTIVO DELLA SERATA è

Conoscere e sperimentare in cosa consiste la sindrome del gemello che resta

e le sue implicazioni in ambito estetico con l’opportunità di conoscere uno strumento
che conduce alle cause degli inestetismi e disagi,
e trasformare i propri pesi in talenti per fare di necessità “biologica” virtù.
Il corpo “parla”, è il messaggero della nostra anima.
La vita di un individuo è la vita del suo corpo.
Poiché il corpo vivente comprende la mente, lo spirito e l’anima.
L’individuo trasforma le sue emozioni o mancate emozioni in malattie psicosomatiche.
Il nostro fisico è lo specchio di pensieri, emozioni, sensazioni, impulsi ed azioni.

 

LABORATORIO DI PSICOMOTRICITA’

Il bambino non gioca per imparare, ma impara perché gioca.
E allora vieni a giocare con noi……..

psicomotricita01


MERCOLEDI 10 OTTOBRE

Prova gratuita

dalle ore 17 alle 18
 

psicomotricita02

Laboratorio di psicomotricità rivolto a bambini dai 20 ai 36 mesi
(ultimo anno di nido- primo anno scuola d’infanzia) accompagnati da un genitore
Dalle 18 alle 19
Laboratorio di psicomotricità per bambini di 6 – 7 (classi 1° e 2°)
Prenotazione obbligatoria

La psicomotricità relazionale è un sostegno rivolto al bambino che favorisce uno sviluppo armonioso di
tutte le componenti della sua personalità: la motricità, l’affettività, il pensiero cognitivo.
Questa attività offre uno spazio dove potersi esprimere, all’interno di un gruppo di coetanei con la
presenza di adulti accoglienti, che aiutano il bambino ad arricchire il proprio sviluppo psicomotorio e a definire il
proprio Sé psichico e corporeo.
Il bambino assume il ruolo di protagonista nel suo percorso di crescita attraverso esperienze di gioco
corporeo semi-strutturate con un adulto, con materiale adatto a stimolarlo in modo piacevole, e di gioco simbolico
per far emergere le sue fantasie.

IL MIO GEMELLO MAI NATO – OPEN CYCLE


Inizia il 30 settembre a Rivalta, la formazione open cycle dal titolo “IL MIO GEMELLO MAI NATO” ed è formulata in quattro incontri. Qualora non fosse possibile essere presenti ad una o più date si possono recuperare le lezioni perse al ciclo successivo.

Ma per capire di cosa si tratta dobbiamo fare una premessa. Il corso si basa, infatti, sul libro omonimo scritto da Caterina Civallero e Maria Luisa Rossi.
 

 

Le date del ciclo 2018,con orario dalle 10 alle 17,30, sono:

  • 1’Lezione – 30 SETTEMBRE
  • 2’Lezione – 28 OTTOBRE
  • 3’Lezione – 18 NOVEMBRE
  • 4’Lezione – 9 DICEMBRE
 

Primo incontro:
 presentazione studio e sperimentazione
delle metodologie di indagine per stabilirelo stato di sindrome: test di kinesiologia, giochi di ruolo, analisi iridologica, anamnesi.
Il campo morfico, peso e struttura, materia ed energia, di cosa è fatta la nostra persona, come le visualizzazioni amplificano i risultati di una corretta alimentazione e come agiscono sulla forma del nostro corpo.

Secondo incontro: analisi degli ambiti in cui si manifesta la sindrome del gemello che resta: relazioni, lavoro, alimentazione e piano organico. Il processo di acquisizione e di consapevolezza attiva un procedimento di apprendimento cooperativo, basato sulla condivisione emotiva e sul sostegno reciproco. Alimentazione: la ruota metabolica, la giostra degli alimenti: equilibri e strategie per impostare un progetto alimentare personalizzato. Rudimenti base per iniziare un percorso di alimentazione consapevole.

Anoressia e bulimia due facce della stessa medaglia. Come la sindrome del gemello che resta condiziona le nostre scelte alimentari; memorie cellulari e memorie ereditate, come la psicogenealogia influenza il nostro equilibrio psicofisico.


Terza lezione: i piani emotivi sono manifestazioni energetiche che necessariamente devono esprimersi:
analizzare la sindrome del gemello che resta nella relazione: vita di coppia, rapporto genitori e figli, relazioni fra fratelli, rapporto con i colleghi e i lavoratori dipendenti.

Quarta lezione: imparare dall’esperienzaè la forma più efficace di apprendimento, laddove l’esperienza emotiva non è stata realizzata e conclusa, la rielaborazione può avvenire attraverso i seguenti strumenti che operano in una modalità analogica: la visualizzazione di comportamenti e di azioni che hanno la funzione di rivivere una situazione emotiva a suo tempo bloccata, non accettata attraverso la scrittura espressiva e creative, lettere, disegni, creazioni, rituali e giochi di ruolo.

 
 

CORSO DI FORMAZIONE 2018

CELL: 339 1461010 - 338 4677587
ilmiogemellomainato@gmail.com

BROCHURE_CORSO_DI_FORMAZIONE_2018____ROSSI_CIVALLERO01-00bis

CORSO DI FORMAZIONE ANNO 2018
Percorso destinato alla crescita professionale degli operatori di settore e alla crescita individuale.
Il 98% delle Persone che operano nel settore di aiuto psicologico e olistico o che richiedono una terapia di ascolto e sostegno è coinvolta nellaSINDROME DEL GEMELLO CHE RESTA- La nostra Esperienza professionale e le nostre competenze ci spingono a proporre un corso di Formazione Esperienziale insostituibile strumento per completare il proprio ventaglio terapeutico.

 

Il Corso Teorico e PraticO

si sviluppa in
Quattro giornate
con orario dalle 10 alle 17,30:
♦ 30 SETTEMBRE
♦ 28 OTTOBRE
♦ 18 NOVEMBRE
♦ 9 DICEMBRE

AL TERMINE DEL PERCORSO
COMPLETO VERRA’ RILASCIATO
L’ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

Relatori: Caterina CIVALLERO

Maria LUISA ROSSI

Associazione Armonia di Manipura

Via Umberto I, 20 10040 Rivalta di Torino

Telefono:   

339.14610101

    338.4677587      

ilmiogemellomainato@gmail.com    

      C.F. 95618480016  P.IVA 11285010010

e-mail armonia.di.manipura@gmail.com 

sito web: www.armoniadimanipura.com


METODOLOGIA DI LAVORO

L'OBIETTIVO DEL SEMINARIO È CONOSCERE E SPERIMENTARE IN COSA
CONSISTE LA SINDROME DEL GEMELLO CHE RESTA PER INTEGRARLA
PERMETTERE AL NOSTRO SISTEMA ALCHEMICO DI RIATTIVARSI
TRASFORMARE I PROPRI PESI IN TALENTI E FARE DI NECESSITÀ
“BIOLOGICA” VIRTÙ.
 

30 Settembre:
 

LA SINDROME DEL GEMELLO CHE RESTA.
Presentazione studio e sperimentazione delle metodologie di indagine per stabilire lo stato di sindrome: test di kinesiologia, giochi di ruolo, analisi iridologica, anamnesi.
IL CAMPO MORFICO e la linea, peso e struttura, materia ed energia, di cosa è fatta la nostra persona, come le visualizzazioni amplificano i risultati di una corretta alimentazione e come agiscono sulla forma del nostro corpo.

28 Ottobre:

ANALIZZARE IN QUALI AMBITI SI MANIFESTA: RELAZIONI, LAVORO, ALIMENTAZIONE E PIANO ORGANICO.
Tale processo di acquisizione di consapevolezza può essere arricchito in gruppo, attivando un procedimento di apprendimento cooperativo, basato sulla condivisione emotiva e sul sostegno reciproco.
ALIMENTAZIONE: LA RUOTA METABOLICA, la giostra degli alimenti: equilibri e strategie per impostare un progetto alimentare personalizzato. Rudimenti base per iniziare un percorso di alimentazione
consapevole.
ANORESSIA E BULIMIA due facce della stessa medaglia. Come la Sindrome del Gemello che resta condiziona le nostre
scelte alimentari.
MEMORIE CELLULARI E MEMORIE EREDITATE, come la psicogenealogia influenza il nostro equilibrio psicofisico.
 

 18 Novembre: 

 

I PIANI EMOTIVI SONO MANIFESTAZIONI ENERGETICHE CHE NECESSARIAMENTE DEVONO ESPRIMERSI:
analizzare la manifestazione della sindrome del gemello nella relazione e nell’ambito lavorativo, vita di coppia,
rapporto genitori e figli, relazioni fra fratelli, rapporto con i colleghi e i lavoratori dipendenti.

9 Dicembre:
IMPARARE DALL'ESPERIENZA È LA FORMA PIÙ EFFICACE DI APPRENDIMENTO, laddove l'esperienza emotiva non è stata realizzata e conclusa, la rielaborazione può avvenire attraverso i seguenti strumenti che operano in una modalità analogica:

- La visualizzazione di comportamenti e di azioni che hanno la funzione di rivivere una situazione emotiva a suo tempo
bloccata, non accettata.
- Scrittura espressiva e creativa: lettere, disegni, creazioni.
- Rituali.
- Giochi di ruolo.

 
 
 

Il mio Gemello mai Nato

ANTEPRIMA LIBRO

Un viaggio alchemico alla scoperta del rapporto tra noi e i nostri fratelli gemelli mai nati

Conoscenza e coscienza sono due condizioni diverse: posso essere a conoscenza del mio stato di gemellarità? laddove però non avendone appunto coscienza resta uno stato di gemellarità
mancata?. Si tratta di due stati che coinvolgono ambiti diversi: lo stato di conoscenza coinvolge il piano mentale, lo stato di coscienza coinvolge il piano emotivo.
Prendere coscienza è realizzare un procedimento alchemico: trasformare un minus in un plus, agire quindi sul campo emotivo, cambiando la sua vibrazione, determinando conseguentemente il venir meno di una necessità compensatoria biologica.
Permettersi di aver sofferto, permettersi di stare in quella Sindrome, permettere di attivare un procedimento sistemico biologico di autoregolazione, rappresenta un atto di accettazione e quindi di guarigione.